TUTORIAL: MESAUDA ONE PHASE SMALTO SEMIPERMANENTE

Ho testato per voi lo smalto semipermanente Mesauda One Phase: vi spiego come applicarlo e vi dico cosa ne penso!

Uno dei post più cliccati del mio blog è sicuramente quello dedicato allo smalto semipermanente, avete apprezzato molto il mio video tutorial e mi avete chiesto davvero in tantissime di recensire altri prodotti, come potevo non accontentarvi? Grazie a capellopoint.com ho avuto la possibilità di testare lo smalto semipermanente Mesauda One Phase che, come è facile immaginare dal nome, è uno smalto semipermanente 3 in 1, proprio come il Layla One Step di cui vi avevo parlato QUI.

Tutorial Mesauda One Phase

 

TUTORIAL E CONSIGLI

Mesauda One Phase è un semipermanente monofasico, non necessita infatti né di smalto base né di top coat; da un lato – saltando due passaggi – i tempi di realizzazione della manicure si accorciano di parecchio, dall’altro diminuiscono i costi dell’investimento iniziale (potete prendere anche solo uno smalto per provarlo!).

Da un punto di vista tecnico la stesura di un monofasico come il Mesauda One Phase potrebbe sembrare più semplice rispetto a quella del semipermanente tradizionale, ma non è del tutto vero. Proprio perché si tratta di un prodotto “3 in 1”, la texture dello smalto è decisamente più corposa di quella normale e dovete fare attenzione a non stendere uno strato troppo spesso! Rischiereste che lo smalto non polimerizzi correttamente e che si sollevi con estrema facilità, proprio come fosse una pellicola. E’ meglio stendere 3 strati sottili piuttosto che 1 solo più spesso, ricordatevelo sempre!

Come per  altri semipermanenti o gel, per applicare Mesauda One Phase avrete bisogno solo di una lampada led/UV, un bastoncino spingi-cuticole e un buffer. Vi spiego come fare nel video tutorial!

Se non visualizzi il video è perchè hai disabilitato i cookie di terze parti. Clicca QUI per aprirlo su Youtube.
Se vuoi cambiare le autorizzazioni dei cookie per questo sito utilizza le [wpca_btn_cookiesettings]

TEMPI DI ASCIUGATURA: 1 minuto in lampada LED, 3 minuti in lampada UV (36 watt). Se la vostra lampada UV ha 8 o 16 watt vi consiglio di polimerizzare Mesauda One Phase per un ulteriore minuto (4 in tutto)

Tutorial Mesauda Semipermanente

Come vedete dalle foto questo smalto è coprente, il colore è compatto e decisamente brillante, una qualità rara nei semipermanenti monofasici. Sto scrivendo questo post a 13 giorni esatti dall’applicazione e lo smalto è ancora perfettamente al suo posto, non si è ingiallito o macchiato e non si è sollevato in alcun punto, né sulla zona zona delle cuticole né sul lato libero. Dopo circa una settimana ha perso un po’ di brillantezza ma con una lima lucidante è tornato bello luminoso in pochi secondi!

Il rapporto qualità/prezzo di questo prodotto è davvero ottimo: potete acquistarlo online QUI a soli 9,90€ oppure nei punti vendita Capello Point, ho notato che sono presenti in parecchi centri commerciali quindi consultate lo store locator, forse ne avete uno anche nella vostra città!

Vi piace questo smalto? Fatemelo sapere con un commento!

Mesauda One Phase

 

85 replies on “TUTORIAL: MESAUDA ONE PHASE SMALTO SEMIPERMANENTE”
  1. Fantastico! Io mi sto convertendo allo smalto semipermanente e questo sembra il TOP! Solo che io ho davvero troooppi smalti, ho quindi trovato un compromesso: base coat uv + top coat uv + smalti normali! 😀

      1. says: Federica

        vuol dire che non hai bufferato a sufficienza l’unghia, è un passaggio molto importante perché – non essendoci base – l’aderenza è ridotta!
        prova anche a stendere strati sottili, così che polimerizzino meglio 😉

  2. says: Fiorentina

    Anke io l ho comprato ma mi si sfalda anche se faccio strati quasi invisibili e sto anke5min sotto lampada, ma perché?

    1. says: Federica

      Ciao! Per “si sfalda” intendi che si solleva come fosse una pellicola? Se sì vuol dire che non hai preparato correttamente l’unghia, è una fase davvero importantissima per la durata dello smalto! Assicurati di bufferare bene, soprattutto nella zona del girocuticole, e di eliminare completamente tutti i residui di limatura che potrebbero creare delle piccola bolle d’aria durante la stesura… Fammi sapere come va se ci riprovi!

      1. says: Anna

        Ciao! Bellissimo il tuo tutorial…grazie per avermi fatto conoscere questo nuovo prodotto! Io sto iniziando a lavorare con lo smalto semi permanente qui a Milano e questo ridurrebbe molto il tempo di applicazione. Potresti darmi un consiglio su quanto potrei chiedere alle mie clienti per questa prestazione? Ti ringrazio tanto!

        1. says: Federica

          ciao Anna! mi fa davvero piacere che il tutorial ti sia stato utile 🙂
          mmm… è una bella domanda sai? 😀 dunque, qui a Roma l’applicazione del semipermanente costa in media tra i 25 e i 35€… Non so come siano i prezzi su Milano ma forse 20€ potrebbe essere un buon prezzo… che ne pensi? 🙂
          fammi sapere come va!!

  3. says: Ilaria

    Ciao Federica,
    Ho guardato i tuoi tutorial perché mi piacerebbe comprare una lampada e lo smalto semipermanente…
    Te che mi consigli?
    Layla one step o mesauda?
    Non ho molto tempo (“causa” bambino di 7 mesi

    1. says: Federica

      ciao Ilaria! fra i due ti consiglio il Mesauda, è davvero formidabile in quanto a durata!! 😀 Fammi sapere come ti trovi!

  4. says: Giorgia

    ciao 🙂 ho comprato un mesauda one phase e devo dire che come qualità è ottima, lo devo togliere solo per la ricrescita e non perchè si sciupa! L’unico problema che ho riscontrato è che nonostante l’avessi tenuto per 15 minuti con carta stagnola e acetone apposito (anche se della marca Layla) non si era molto ammorbidito. Devo dire però che mi sono scordata di bufferare l’unghia e di togliere quindi lo strato lucido, sarà per quello? o perchè uso un solvente di un’altra marca? Comunque quando si è tolto ho visto che l’unghia non era per niente macchiata come invece accade con Layla one step

    1. says: Federica

      sicuramente è perché non hai bufferato un po’ la superficie, a volte capita che mi dimentico e il solvente fatica a penetrare se lo smalto è compatto! è vero, questo semipermanente non lascia alcun residuo e dura tantissimo, è stata davvero una bella scoperta!

      1. says: Giorgia

        niente mi è successa la stessa cosa anche se avevo bufferato addirittura mi è toccato toglierlo con la lima 🙁 a te ti si è tolto bene? io ero davvero disperata perché non sapevo come fare 🙁

          1. says: paola

            Ragazze anche a me è successa la stessa cosa, ossia anche bufferando benissimo l’unghia, niente, non viene via…lo smalto è fantastico ma il momento della rimozione è una tortura e le unghie sono rovinatissime dopo…uso l’acetone specifico comprato da capello point, e lo tengo anche 20-25 min in posa…ma niente :-((( che marca di solvente utilizzi tu per farlo staccare come una pellicola? forse sbaglio qualcosa nel prodotto? grazie mille della info

          2. says: Federica

            ciao paola! secondo me l’acetone non riesce a raggiungere gli strati sottostanti dell’unghia… sei sicura di bufferare la superficie prima di applicare i cartocci?

  5. says: michela

    ciao mi piace molto mesauda che non ha bisogno di base-finitura, ma se dovessi fare un french? grazie

    1. says: Paola

      Ciao, si ho messo tanta attenzione alla fase del buffer prima di usare il remover, purtroppo nulla cambia, si rovinano le unghie e per toglierlo le devo limare…sto iniziando a pensare di dover cambiare marca di smalto purtroppo …se ti dovesse capitare di fare un video con la rimozione del one step ne sarei moooolto felice :-)))))

      1. says: Federica

        ciao Paola! mi dispiace che tu stia incontrando queste difficoltà… lo metto nella lista dei video da realizzare! 🙂

  6. says: Rita

    Ciao. Io mi faccio fare sempre il semipermanente classico però vedendo questo prodotto e avendo poco tempo a disposizione mi piacerebbe farlo da me. Mi diresti per favore tutto l occorrente? E per rimuoverlo bisogna per forza usare metodo cartine? Grazie mille.

    1. says: Federica

      Ciao Rita! L’occorrente è lo stesso che uso nel video, quindi il one phase, una lampada LED/UV, sgrassatore (o solvente senza acetone), un bastoncino in legno di arancio per spingere indietro le cuticole, una lima a grana fine per limare le unghie e un buffer per opacizzare la superficie prima di applicare lo smalto. Questo semipermanente si scioglie col metodo delle cartine ma se preferisci puoi anche procedere, come faccio io, limando! Spero di esserti stata utile 🙂

  7. says: Dominika

    Ciao proprio sta mattina ho comprato qst semipermanente e nn vedo l’ora di usarlo!spero ke qst semipermanente sia buono cme lo sono gli altri prodotti della mesauda!!

      1. says: Sonia

        Ciao Federica oggi ho comprato mesauda o è phase ma quando ho messo in lampada mi è venuto tutto ondulato mi sai dire perché ?dipende dalla lampada?

        1. says: Federica

          i bulbi della lampada UV potrebbero essere esauriti… oppure potresti aver steso uno strato troppo spesso di smalto semipermanente… hai già usato quella lampada con altri prodotti?

  8. says: Mariateresa

    Ciao Federica… Puoi darmi informazioni riguardo il gel che stendi prima del semipermanente? E quanto ti dura??? Vorrei iniziare a fare le unghie da sola senza dover andare ogni mese dall’estetista ma le ho molto morbide e ho visto che tu così hai risolto questo problema.

    1. says: Federica

      Ciao Mariateresa! Uso un normalissimo gel per ricostruzione monofasico, come durata considera circa 3/4 settimane, dopo la ricrescita comunque tende a vedersi e quindi faccio un refill… io mi trovo molto bene con il builder gel pink di ibd che – essendo rosa – lascia le unghie naturali e leggermente rosate… Dopo averlo catalizzato in lampada limo eventuali bozzetti e sigillo il tutto con un top coat trasparente! spero di riuscire a realizzare presto un video anche sulla copertura delle unghie in gel, me lo hanno chiesto in molte 🙂

  9. says: Valeria

    Ciao, io ho appena iniziato a fare il semipermanente a casa ma purtroppo mi viene via in pochi giorni come una pellicola. Sto attenta a sgrassare bene con il buffer e a mettere strati molto sottili di smalto ma nulla, più di qualche giorno non rimane. Può dipendere anche dalla qualità dello smalto? Altrimenti sbaglierò di sicuro qualche passaggio. Hai qualche consiglio? Grazie mille

    1. says: Federica

      ciao Valeria! sì, potrebbe dipendere dallo smalto, ma anche dalle caratteristiche delle tue unghie… ad esempio potresti avere bisogno di ricorrere ad un primer, un prodotto appositamente studiato per aumentare l’adesione di gel e semipermanenti 🙂

      1. says: gref

        ciao ! 🙂 il primer in questione va messo dopo aver pulito bene l’unghia con il cleaner ed il buffer ma prima della base vero? buffer&cleaner + primer + base+ smalto semipermenente…ecc…?

  10. says: manu

    Ciao Fede complimenti innanzitutto per il video molto bello! io uso i semipermanenti da un po’ ma ora sono curiosa di usare questi nuovi one phase..ho qualche domanda..da quanto è il formato dello smalto? 5ml? e poi quando polimerizzi in lampada e tiri fuori lo smalto quindi è gia totalmente asciutto..non è appiccicosuccio? hai provato anche il colore ross? ti sei trovata bene allo stesso modo? grazie ti auguro tante belle cose!

    1. says: Federica

      Ciao Manu! Grazie!!! Sono davvero felice che il video ti sia piaciuto! Si, confermo, i One Phase hanno il formato 5ml e si, una volta polimerizzato non è necessario sgrassare proprio perchè un semipermanente monofasico 🙂
      Oltre a questo rosa che provo nel video ho applicato anche il rosso (che se non erro si chiama “Jazz”) e mi sono trovata benissimo anche con quello, è molto pigmentato quindi con 2 strati sottili si ottiene un altissimo grado di coprenza! Spero di esserti stata utile… Un abbraccio!!

  11. says: Jessica Baffioni

    Ciao..volevo sapere se le unghie che hai nel video sono ricostruite o naturali…e se i due prodotti il medusa e una ricostruzione con gel uv sono compatibili..ciao grazie

    1. says: Federica

      Ciao Jessica! Le unghie sono naturali e sono ricoperte con uno strato di gel quindi sì, i due prodotti sono compatibili 🙂 Per applicare il mesauda sul gel ti basta solo opacizzarlo!

  12. says: Alessandra

    Ciao bellissime unghie,
    ti volevo chiedere come mai con i semipermanenti ho davvero tanta difficoltà a rimuoverli, riesco a rimuoverli del tutto solo con la lima e il buffer,cosa sbaglio?
    Ah inoltre volevo chiederti una cosa…ho chiesto in diversi nailartist se facessero decorazioni con sempipermanenti,ma mi hanno detto di no 🙁 ma solo con gel
    Io il gel non voglio usarlo perchè ho già le unghie fragili e non voglio renderle ancora più deboli,ma mi piacerebbe tanto avere uno smalto con decorazioni che però duri a lungo.
    Grazie 🙂

    1. says: Federica

      Ciao Alessandra 🙂 Il segreto per rimuovere il semipermanente sciogliendolo è limare leggermente la superficie prima di procedere con i cartocci; facendo così permetti all’acetone di pnetrare negli strati inferiori con maggiore facilità 🙂 Per quanto riguarda le decorazioni nulla ti vieta di realizzarle con il semipermanente, ma alcune potrebbero risultare non fattibili (il gel è più compatto rispetto al semipermenente quindi è più facile da utilizzare e non cola). Comunque se applichi il semipermanente come base e procedi poi alla decorazione con il gel l’unghia è protetta! Ti lascio il link ad alcuni tutorial nail art che ho realizzato proprio con il semipermanente:

      https://www.youtube.com/watch?v=4ZK_92YfH2E

      https://www.youtube.com/watch?v=YQVyM75QN2A

      un abbraccio!

  13. says: Aurora

    Ciao 🙂 . Vorrei sapere se sopra questo gel si può applicare uno strato trasparente di gel mesauda. E vorrei avere inoltre un tuo parere riguardo al gel classico e il 3 in uno, in generale consiglieresti questo o il gel tradizionale? Io utilizzo quello tradizionale e il problema maggiore è la stesura della base. Non riesco a stenderlo alla perfezione visto che è trasparente e quindi questo compromette tutto il lavoro successivo. Vorrei un tuo consiglio. Grazie in anticipo 🙂

    1. says: Federica

      Ciao Aurora! Assolutamente si, puoi stendere il top coat sul one phase e migliorare così la tenuta e la lucentezza 🙂 Per quanto riguarda la scelta fra questo prodotto e il sistema tradizionale devo dire che è una questione soggettiva (sia in termini di praticità che di tenuta) ma trovo che la rimozione sia più facile quando utilizzo i semipermanenti “classici” perché lo strato di base isola l’unghia e quindi rimuovere con i cartocci senza rovinare il letto ungueale risulta più facile! ti consiglio comunque di provare un one phase, è un prodotto economico e valido e poi sono disponibili molti bei colori (hanno aggiornato la cartella colore proprio da poco), tanto (nel caso non ti trovassi bene) puoi usarlo comunque anche con base e top 😉

  14. says: Paola

    Ciao! !! Ho appena visto il tuo tutorial !!! Bravissima! !avrei una domanda se posso . Io faccio ricostruzione col gel . È possibile applicare il semipermanente 3 in uno sopra il gel? ? E anche il lucido finale che catalizzo in lampada? ???

    1. says: Federica

      Ciao Paola! assolutamente sì, puoi anche evitare di sigillare il gel, applicare direttamente il one phase e poi il top coat 😉

  15. says: Giada

    Ciao! Ho acquistato il top coat della Mesauda, posso usarlo anche su uno smalto normale di altre marche? Grazie!

  16. says: Letizia

    Ciao! Ho visto che sotto lo smalto mesauda hai un altro strato di smalto (penso gel), volevo chiedere posso applicare lo smalto mesauda direttamente sulla mia unghia o è necessario un altro strato sotto?
    Grazie mille!

  17. says: Irene

    Sai Federica ieri ho comprato questo smalto “masauda 3 in 1 “, non vedo l’ora di provarlo ma avevo prima una domanda da farti, ci sono smalti mesauda che fanno crescere le unghie più rapidamente per così poter usare anch’io gli smalti colorati mesauda? Se sì , quali? Lo potresti mettere nella tua lista da video da fare? Un bacione, hai delle unghia veramente belle💅❤️

  18. says: mary

    Ciao sono mary volevo chiederti come posso fare a comprare questi semi permanenti perché quelli che ho non si asciugano grazie e complimenti per le tueuunghie sono cosi scich

  19. says: Giulia

    Ciao! Volevo chiederti gentilmente un’informazione. Ho usato gli one phase per alcuni mesi riscontrando però sempre problemi nella rimozione perché dovevo per forza limare l’unghia e si rovinava tantissimo. Sono quindi passata ai loro gel polish, applicando primer, easy off base e top. Il problema però rimaneva lo stesso, nonostante avessi messo anche ultrabond!

    Ora sono passata a un altra marca (non monofasica) e mi trovo benissimo. Nel senso che durano e li rimuovo in 5 minuti. Solo che mi rimangono tutti i colori dei one phase e anche dei gel polish mesauda!
    Posso usarli con base e top della nuova marca?
    Dici che la rimozione sarà facile o meno? Perché a quanto ne so io quello che fa molto è lo strato della base, così l’unghia è “isolata”.
    Grazie mille per l’attenzione!

    1. says: Federica

      Ciao Giulia! Confermo quello che hai scritto, è lo strato di base a fare la differenza nella rimozione quindi si, puoi provare usando un’altra base! parlo di prova perché non sempre prodotti di marche diverse risultano “compatibili”, purtroppo non puoi saperlo fino a quando non provi! Io ti consiglio di effettuare un test su un’unghia e vedere come va prima di applicare su tutte le altre 😉

  20. says: Martina

    Ciao anche io comprato il mesauda One phase, ma devo ancora testarlo😊leggendo un po’ di commenti ho visto che hai uno strato di gel, ma è una ricostruzione vera e propria o solo una passata? Vorrei sapere se fosse possibile stendere una sola passata di gel senza proseguire con la bombatura e poi procedere con il semipermanente

    1. says: Federica

      ciao Martina! si confermo, lo strato di gel è piuttosto sottile quindi puoi stenderlo tranquillamente senza preoccuparti della bombatura… c’è da dire che meno gel applichi meno l’unghia è “al sicuro”, ma comunque mi trovo bene con questo metodo e le unghie resistono! 😉

    2. says: Federica

      scusa, mi sono scordata di aggiungere un altro dettaglio: anche se lo strato di gel è sottile procedo comunque con sgrassatore e buffer per rendere l’unghia perfettamente liscia prima di applicare il semipermanente 😉

  21. says: Melania Muscianisi

    Ciao … complimenti per il video che trovo a differenza di altri molto chiaro e semplice. Ho provato a stendere lo smalto ma è saltato sulle punta … dopo averle opacizzate con una lima le ho sgrassate con acetone prima di passare one phase … ho forse sbagliato?

    1. says: Federica

      ciao Melania! confermo, è meglio non passare l’acetone prima del one phase, per una buona adesione è necessario che la superficie sia opaca! in ogni caso assicurati di applicare lo smalto anche sul bordo libero dell’unghia, potrebbe essere anche questo il motivo della punta che salta 😉

  22. says: germana

    ciao! ho comprato opnephase fluo fuxia, ma dopo un paio di giorni è diventato color corallo…
    forse l’ho tenuto troppo in forno o è il fluo che ha questa pessima riuscita?
    grazie! 🙂
    germana

    1. says: Federica

      ciao Germana! onestamente non ho provato la versione fluo di questi smalti quindi non posso confermarti se sia un difetto comprovato o meno… però posso dirti che ho un semipermanente fuxia fluo (per la precisione di China Glaze) che fa lo stesso difetto, reagisce ai raggi UV della luce solare e dopo un paio di giorni comincia a virare verso l’arancio… quindi forse si, è un difetto di questo tipo di pigmento!

  23. says: Kiki

    Ciao! Innanzitutto complimenti 😊
    Avrei una domanda, tempo fa ho provato il one phase e devo ammettere che non durava nemmeno due giorni seguendo tutte le procedure ☹️ Ho pensato di usare un primer della mesauda per aumentare la durata, che ne pensi? Credo che sia inutile aggiungere base e coat visto che per questo smalto non dovrebbe essere necessario! No?!
    Grazie per i preziosi consigli 😊

    1. says: Federica

      ciao Kiki! grazie <3
      duuunque, un tentativo puoi farlo perché diverse ragazze mi hanno detto di aver provato e di essersi trovate bene, quello che avevo consigliato è di stendere uno strato davvero tiratissimo, altrimenti il one phase potrebbe ritirarsi ai bordi! curiosità: quando lo hai provato avevi opacizzato per bene l'unghia e steso strati molto sottili? te lo chiedo perché effettivamente sono 2 passaggi che possono fare la differenza!! fammi sapere 🙂

  24. says: Miriam

    Ciao Federica!
    Sto cominciando a informarmi per iniziare anche io la mia avventura nel semipermanente! 🙂 Quindi grazie per i tuoi tutorial, utilissimi davvero!
    Avrei un paio di dubbi:
    con questo smalto onephase è possibile creare disegni e decorazioni applicando sulsemipermanente onephase un altro colore della stessa tipologia? E’ sufficiente procedere al disegno dopo aver polimerizzato l’ultimo strato o bisogna passare il buffer e quindi poi terminare la nail art con un top coat?
    Se possibile, vorrei anche chiederti se per caso potessi creare un tutorial per spiegare per bene la fase di preparazione dell’unghia (quanto bufferare e come sistemare le cuticole per non creare danni) e la fase di rimozione (che mi spaventa tantissimo!).
    Grazie mille in anticipo e ancora complimenti!!!

    1. says: Federica

      Ciao Miriam! Grazie davvero! Sono molto contenta che i tutorial ti siano utili! Dunque, i one phase sono molto pigmentati e densi, quindi effettivamente si prestano bene per fare decorazioni! Quello che sicuramente non puoi ottenere sono le linee molto sottili… per quelle un gel colorato risulta sempre la scelta migliore perché ha una texture molto consistente e rimane fermo, il semipermanente invece tende a scivolare perché è – inevitabilmente – più liquido! Tra un passaggio e l’altro della nail art puoi tranquillamente evitare di bufferare, ma ti consiglio comunque di stendere un top coat finale per chiudere il tutto e proteggere al meglio il disegno!
      Per approfondire la preparazione dell’unghia ti consiglio di guardare questo video, è di un prodotto one step e mi dilungo un po’ di più nella spiegazione 😀
      https://www.youtube.com/watch?v=-gf0j4l43Sc&t=1s
      per la manicure base invece ti consiglio questo:
      https://www.youtube.com/watch?v=uNsM2Q-Th9Y
      Per la rimozione al momento ho solo questo con il nail steamer:
      https://www.youtube.com/watch?v=B50HYwZZSTE&t=7s
      ma ho in programma di girarne uno per mostrare anche la rimozione con le cartine! 🙂
      Spero di esserti stata utile e, se ti fa piacere, fammi sapere come va!

  25. says: Fra

    Ma… meraviglioso! In più quella forma e questo colore si sposano a meraviglia e stanno molto bene su di te.
    Sono sempre utili i tuoi tut

    XOXO

  26. says: Anna

    Ciao, il tuo video mi è stato molto utile. Mi trovo bene con questo smalto perché fa sì che le unghie non si rompano e possano crescere! Io uso anche lo smalto tradizionale su. Ho però un dubbio… ho una lampada UV che ci mette vari minuti per polimerizzare e volevo sostituirla con una lampada LED, perché credo sia più veloce e forse meno dannosa. Purtroppo però non riesco a trovare lampade LED da nessuna parte, hanno tutte la dicitura LED/UV, cosa significa? Grazie mille. 🙂

    1. says: Federica

      Ciao Anna! Sono davvero molto contenta che il video ti sia stato utile e ti ringrazio per avermi lasciato un commento! 🙂
      Dunque, lampada UV/LED vuol dire che sono presenti entrambi i tipi di bulbo, ho fatto la recensione di un apparecchio così, se vuoi dare un’occhiata la trovi qui:

      http://www.laragazzadaicapellirossi.com/unghie/lampada-uv-led-nail-studio-ccfl-caratteristiche/

      Se vuoi vedere qualche modello solo LED invece ti consiglio di dare uno sguardo a quest’altro post:
      http://www.laragazzadaicapellirossi.com/unghie/lampade-per-unghie-informazioni-guida-acquisto/

      Spero di esserti stata utile! <3

  27. says: Michela

    Ciao! Complimenti per il tutorial, chiaro ed esplicativo! Io mi trovo molto bene con One phase mesauda ma, a differenza del semipermanente Shellac che uso di solito, fa veramente fatica a togliersi!! Le ho provate tutte.. limo il primo strato e poi immergo nel solvente apposito per 15 minuti.. non si scalfisce minimamente! Ho provato con altri solventi ma niente… sono costretta a limarlo tutto rovinando l’unghia! E mi spiace perché alla fine faccio prima a metterlo che a toglierlo:)

    1. says: Federica

      Ciao Michela! Posso chiederti dopo quanto tempo (più o meno!) rimuovi il one phase? Fammi sapere così indaghiamo un po’ e provo a consigliarti qualcosa per ovviare! 🙂

  28. says: Barbara

    Ciao! Io purtroppo ho riscontrato problemi nell’asciugatura, si asciuga solo in superficie. Si forma come una pellicola che si toglie facilmente con le k unghie e sotto c’è lo smalto ancora bagnato. Preciso che ho bufferato con attenzione e ho fatto asciugare per quasi 5 minuti

Comments are closed.